Cambiamo. Stavolta dalla biologia.

Prendiamo come esempio un organismo umano e mettiamolo a paragone con l’organismo azienda.
Entrambi fatti di organi e strutture. Entrambi necessitano di fonti di sostentamento.
Quando manca la fonte di sostentamento l’organismo da il via ad un processo detto ‘autofagia’.
Si nutre, cioè, delle sue stesse parti. Molto spesso la prima parte che viene penalizzata è il muscolo.
Quello che serve a muoversi.

In azienda talvolta succede uguale.
I colleghi che non si spingono ad approvviggionarsi dall’esterno, cannibalizzano le fonti di altri colleghi (specie nel commerciale) avviando una guerra interna che toglie energia alle medesime parti coinvolte e di conseguenza all’organismo aziendale stesso. Lentezza, attriti, malcontento.

Collaborare vuol dire fare un lavoro insieme. Con un medesimo obiettivo. Che non deve essere ‘correre per se stessi’ ma correre tutti insieme verso un obiettivo condiviso seppure individuale.Vitale, Gioioso,Entusiasmante.

Questo sviluppa tutte le parti coinvolte, evitando che un tessuto mangi l’altro.

La Natura è un’azienda perfetta. Dio è un grandioso CEO.
Prendiamo esempio.
Perché tolte poltrone e denaro, siamo tutti allo stesso livello